PARTNER:
Mediaconsult
Concessionario dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

SERVIZIO CLIENTI

800.906.146


PREVENTIVO ON LINE

E' possibile abbreviare i tempi di ricezione di un preventivo di spesa compilando il form...

PER SAPERNE DI PIÙ 

I SEMINARI IN PROGRAMMA


NEWS

13.10.2014

DECRETO LEGISLATIVO 13 ottobre 2014, n. 153

Ulteriori disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonche' nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136.

12.09.2014

D. L. 12 settembre 2014, n. 133

DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 133 c.d. "Sblocca Italia"

LEGGI TUTTE 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ARCHIVIO 

Skype Facebbok Twitter Linkedin
MODALITÀ DI PUBBLICAZIONE IN G.U.R.I.

La pubblicazione dei bandi e degli avvisi di gare d'appalto pubbliche va effettuata in conformità alle disposizioni del D.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 (denominato anche "Codice"), pubblicato nella G.U. n. 100 del 2 maggio 2006.

In particolare, in base al combinato disposto degli artt. 66 e 124 del Codice, i bandi e avvisi di gara vanno pubblicati integralmente in GURI e per estratto in almeno due dei principali quotidiani a diffusione nazionale e regionale.

Pertanto, la pubblicazione del bando per estratto è prevista esclusivamente sui quotidiani nazionali e regionali, e non nella GURI, nella quale va pubblicato il bando integrale corredato dai requisiti minimi previsti dalla normativa vigente.

Conformemente a tale ratio, non sono ammissibili, né tantomeno in linea con la suddetta normativa, bandi ed avvisi di gara pubblicati per estratto e contenenti il mero rinvio a siti internet per la consultazione integrale del bando stesso.

Per quanto concerne le informazioni che devono figurare nei bandi e negli avvisi di gare di appalto pubbliche si rinvia alle prescrizioni di cui all'All. IX A - B e C del D.lgs 163/2006.

Allo scopo di migliorare la leggibilità e la veste tipografica, si raccomanda di redigere l'inserzione, suddividendola in SEZIONI ed andando a capo almeno per ciascuna SEZIONE, seguendo a titolo indicativo il seguente schema:

  • SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE, scritto in MAIUSCOLO

    • denominazione

    • indirizzi

    • punti di contatto

  • SEZIONE II: OGGETTO DELL'APPALTO

    • tipo di appalto

    • luogo di esecuzione

    • luogo di consegna o di prestazione dei servizi

    • informazioni relative all'accordo quadro se del caso

    • vocabolario comune per gli appalti

    • eventuale divisione in lotti

    • quantitativo o entità dell'appalto

    • durata dell'appalto o termine di esecuzione

    • eventuali opzioni

      Le sopraindicate rubriche vanno riportate preferibilmente in maiuscolo e/o in grassetto, scrivendo in corsivo il restante testo.

  • SEZIONE III: INFORMAZIONI DI CARATTERE GIURIDICO, ECONOMICO, FINANZIARIO E TECNICO

    • eventuali cauzioni e garanzie richieste

    • condizioni di partecipazione

      Le sopraindicate rubriche vanno riportate preferibilmente in maiuscolo e/o in grassetto, scrivendo in corsivo il restante testo.

  • SEZIONE IV: PROCEDURA

    • criteri di aggiudicazione

    • informazioni di carattere amministrativo

    • termine per il ricevimento delle offerte e delle domande di partecipazione

    • periodo minimo durante il quale l'offerente è vincolato alla propria offerta

      Le sopraindicate rubriche vanno riportate preferibilmente in maiuscolo e/o in grassetto, scrivendo in corsivo il restante testo.

  • SEZIONE V: (EVENTUALE)

  • SEZIONE VI: ALTRE INFORMAZIONI

HOME | CHI SIAMO | SERVIZI | NORMATIVE | NEWS | JOBS | CONTATTI | PRIVACY
Copyright © (2012) Mediagraphic s.r.l. - P. IVA: 05833480725